Un prodotto amato ed apprezzato in ogni modo: il principe dell’autunno resta sempre il fungo porcino. C’è chi lo ama nei primi piatti, chi preferisce gustarlo da solo in un succulento contorno, in qualsiasi modo avete deciso di cucinarlo il fungo porcino vi garantirà un’ottima riuscita sulla vostra tavola.

Dedicato a questo prezioso prodotto del sottobosco c’è un evento molto noto nella provincia, ma anche a Roma e nell’intera regione: la sagra del fungo porcino di Oriolo Romano. Un appuntamento da non perdere per gli amanti dei porcini, ma anche per coloro che apprezzano una cucina genuina e tradizionale. Alla sagra del fungo porcino troverete, infatti, anche carne locale e perfino un menù per celiaci. Niente viene lasciato al caso e l’organizzazione risulta ogni anno impeccabile.

Dietro gli stand gastronomici della sagra di Oriolo Romano c’è un grande lavoro che inizia i giorni precedenti; i funghi devono essere puliti e preparati.

Ogni anno, in occasione della sagra, arrivano in questo caratteristico borgo della Tuscia tantissimi amanti della buona cucina. Da quando, nel 2003, ha preso avvio questa gustosa sagra la manifestazione è cresciuta di anno in anno.

Oggi, organizzata in due weekend di settembre, la sagra del fungo porcino è in grado di offrire un gran numero di piatti. Dagli antipasti ai dolci non manca proprio nulla, per soddisfare anche i palati più esigenti.

Nei giorni dedicati alla sagra, infine, troverete il paese immerso in un’atmosfera di festa: eventi musicali, culturali ed un caratteristico mercatino animeranno le vostre giornate.