galleseVisitare Gallese: la città di Gallese, situata tra le antiche vie romane Amerina e Flaminia, è posta su un banco tufaceo compreso tra due torrenti, con l’antica Rocca fortificata sul versante settentrionale. Di origini falische, il centro si sviluppò inizialmente sul pianoro, poi nell’area vicina al Tevere, dove l’antico ponte di Augusto permetteva alla Flaminia di traversare il fiume, sul quale operavano due porti (Barca di Gallese e Porto dell’Arcella), protetti dai castelli di Rustica e della Torricella.

La città si fortificò nel VI secolo, durante la guerra greco-gotica, per proteggere la via Amerina, sulla quale insisteva il “corridoio bizantino”, unico collegamento tra Roma e Ravenna: con tali prerogative, il castrum Gallesii, nel 738, fu riscattato dai Longobardi per l’intervento di papa Gregorio III e del Ducato Romano.

Divenuta sede vescovile, Gallese consegnò alla storia della Chiesa due papi, i pontefici Marino I (882-884) e Romano I (897), nativi del luogo. Altra gloria cittadina è il patrono San Famiano, monaco e pellegrino, morto a Gallese nel 1150 e sepolto nell’omonima basilica, prossima alle mura.

Fontana delle 3 cannelle

Nei secoli successivi la città fu gestita da varie famiglie nobili (Orsini, Spinelli, Colonna, Borgia, Della Rovere, Carafa) e dal Cardinale Cristofaro Madruzzo, che la cedette in seguito agli Altemps. Nel 1861 il Ducato di Gallese passò agli Hardouin, alla cui nobile casata appartenne Maria, figlia del Duca Giulio e moglie di Gabriele D’Annunzio.

Sin dagli inizi del Novecento Visitare Gallese ha beneficiato di un notevole sviluppo economico e sociale, dovuto ai primi insediamenti industriali e alle più recenti fabbriche di ceramiche. Il progresso dell’area è stato a suo tempo favorito dalla costruzione delle linee ferroviarie Roma-Firenze e Civitavecchia-Orte, con le stazioni di Gallese Scalo Teverina e Gallese-Bassanello.

Visitare Gallese ricca di testimonianze storiche

La visita alla città permette di ammirare inizialmente le potenti mura urbane, con il suggestivo Arco di Porta, unico accesso al centro storico: all’interno, torri medievali e palazzi rinascimentali, chiese (Cattedrale, San Lorenzo, Sant’Agostino) e suggestivi vicoli. Nella parte ovest, nel convento di Santa Chiara, il Museo Civico “Marco Scacchi”, con interessanti opere d’arte e reperti archeologici, archivio storico, biblioteca e centro culturale, raccolti intorno all’antico chiostro del XVII secolo.

Basilica di San Famiano

Basilica di San Famiano

Nella zona settentrionale, di fronte alla Cattedrale, il Municipio del XV secolo con palazzetto medievale a fianco. Il percorso continua con la fontana delle Tre cannelle, il Corso Duca Luigi, la piazza del Castello, la fontana della Rocca e Via delle mura merlate, aperta sulla Forra di Rio Maggiore e la florida vegetazione dei Colli.

Fuori delle mura, la chiesa di Sant’Antonio, la basilica di San Famiano e la cappella rurale di San Famiano a Lungo, dove il santo compì il miracolo dell’acqua. Nella campagna che circonda il centro urbano, resti storici e suggestivi percorsi naturalistici, comprendenti anche l’area prossima al fiume Tevere.

Chiesa di San Famiano a lungo

Chiesa di San Famiano a lungo

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito del comune di Gallese.