Visitare Acquapendente: Acquapendente, città in provincia di Viterbo, è il comune più settentrionale del Lazio, quasi al confine con la Toscana. Il nome “Acquapendente” deriva dal fatto che la città è situata vicino a numerose e piccole cascate, che si immettono nel vicino fiume Paglia. Il clima di Acquapendente è caratterizzato da estati calde ed inverni rigidi, interessati da nebbia e da venti di tramontana, mentre gli autunni e le primavere sono interessate da piogge abbondanti.

AcquapendenteDurante l’epoca medioevale la città era circondata da mura, che però furono abbattute durante l’espansione di Acquapendente: al momento resta solo una delle torri principali, la cosiddetta torre Julia de Jacopo, che oggi ospita un centro informativo.

I monumenti più importanti di Acquapendente è la cattedrale in stile romanico, costruita dall’ordine benedettino, e chiamata Basilica del Santo Sepolcro (all’interno è conservata come reliquia una pietra macchiata di sangue proveniente da Gerusalemme, dal Santo Sepolcro). La cripta romanica dove è custodita la reliquia è una delle più importanti e caratteristiche dell’intero territorio nazionale sia per l’epoca a cui risale (X-XI secolo) sia per le ventiquattro colonne che creano una struttura e forme particolari con gli archi.

La chiesa, situata sulla Via Francigena percorsa da pellegrini in viaggio verso Roma, durante il Medioevo era una tappa obbligata per i crociati e per i pellegrini. Altra chiesa importante è la Chiesa di San Francesco: la sua costruzione risale a tempi precedenti (il suo nome era Chiesa di Santa Maria) e fu affidata all’ordine francescano nel 1253. Di origine gotiche, è stata rivisitata in stile barocco, mentre il portale è del XI secolo e la torre campanaria di tre piani risale al 1506.

Un’altra struttura molto interessante dal punto di vista turistico è il Palazzo Viscontini, un edificio che è l’espressione più importante dell’architettura rinascimentale aquesiana. La decorazione a bugnato è stata realizzato da artisti toscani, mentre all’interno sono presenti affreschi; il palazzo è caratterizzato anche da un grande giardino e da finestre inusualmente grandi.

Visitare Acquapendente anche per la sua natura

Acquapendente è famosa anche per le sue aree naturali, in quanto sul suo territorio (nella zona nordorientale) si trova la Riserva naturale Monte Rufeno, estesa per 2.893 ettari. Istituita nel 1983, la Riserva Monte Rufeno è costituita dal Monte Rufeno (alto 735 metri), circondato da fitti boschi, e si trova proprio al confine con le regioni Toscana ed Umbria, a dominare l’antica via Cassia e la Via Francigena.

La Riserva Monte Rufeno consente di approfondire gli aspetti naturalistici, culturali, storici ed enogastronomici del territorio. Nella città si trovano anche due interessanti musei: il Museo del Fiore, in località Casale Giardino (una delle valle della Riserva Monte Rufeno) ed il Museo cittadino, nell’ex palazzo vescovile, che ospita le ricche collezioni diocesana e civica. Un’altra particolarità della città è il fatto di aver ottenuto il Premio RAEE 2011 per il Comune Riciclone, importante riconoscimento che Acquapendente ha ottenuto per essere il primo comune del centro Italia nel riciclo delle apparecchiature elettroniche ed elettriche.

Eventi importanti che si svolgono ad Acquapendente sono la Festa dei Pugnaloni la terza domenica di maggio in occasione della Festa della Madonna del Fiore (vi si svolgono sfilate di mosaici eseguiti con fiori e foglie, ed eventi folkloristici) e la festa patronale in onore di Sant’Ermete (28 agosto). Dal 2005, ogni 1º maggio si svolge anche il Palio dell’Arcata: sono corse di cavalli in cui i fantini cavalcano a pelo, e spesso associate ai gruppi dei Pugnaloni.

Un’altro evento molto frequentato da turisti, visitatori e residenti è il Carnevale di Acquapendente, uno dei più famosi ed interessanti di tutta la regione Lazio. Per di più, la sua celebrazione coincide con quella della Sagra della Fregnaccia, uno dei prodotti gastronomici più tipici della zona. E’ una specie di frittella, che può essere consumata sia dolce che salata, molto gustosa.